[Pillole di Storia] L’accusa del sangue / 1

Il primo caso fu William di Norwich. Fu ritrovato morto il 25 marzo 1144, la domenica di Pasqua; Simone di Trento, detto “Simonino”, arriva solamente molti anni dopo: il 23 marzo 1475.
Tali dati dimostrano due cose: punto primo, che il giorno del mio compleanno è un giorno universalmente jellato, ancor da prima che la sottoscritta venisse al mondo a fare danni. Punto secondo, che quella delle cosidette “accuse del sangue” è una credenza antichissima, e dunque molto interessante agli occhi degli storici – anche perché William e Simonino non sono certo gli unici “casi” di omicidi rituali da parte ebraica. Cito a caso alcuni nomi di altre vittime (presunte): cinque bambini tedeschi a Fulda, nel 1235; “il piccolo Hugh” a Lincoln, vent’anni dopo; Dominiguito del Val nel 1250, in Soagna, a Saragozza; una giovane vergine a Valréas, in Francia, nel 1247. Paradossalmente, l’Italia è una delle regioni in cui le cosiddette “accuse del sangue” arrivano più tardi, pur essendo proprio italiano colui che è forse il caso più celebre: Simonino di Trento.
Avete capito di cosa sto parlando, vero?
Sto parlando dei presunti omicidi rituali ebraici. Quegli omicidi per commettere i quali, nel giorno di Venerdì Santo, una qualche comunità di ebrei avrebbe sequestrato un giovane cristiano e poi l’avrebbe ucciso barbaramente, in una sorta di macabra rievocazione della Passione del Signore.

Non ho mai letto Pasque di sangue, il discusso libro di Ariel Toaff. Ve lo ricordate?
Era uscito nel 2007, suscitando un mare di polemiche: in questo saggio, Toaff sembrava sostenere che qualche fondo di verità potrebbe anche esserci, in queste accuse così infamanti. La cosa interessante è che Toaff non è un neonazista antisemita: anzi, è il figlio di Elio Toaff, rabbino emerito di Roma.
Non ho letto questo libro e quindi non conosco le ragioni in base a cui il signor Toaff porti avanti certe tesi. Però ho letto altri libri sull’argomento, e provo a spiegarvi le ragioni per cui io oso affermare che la vera storia della “accuse del sangue” è molto diversa da come, generalmente, la gente la conosce.

***

Il primo caso fu William di Norwich, per l’appunto.
In questa immagine lo vedete come un bambolotto cicciottello, ma in realtà il povero William era un ragazzo dodicenne, quando è stato rinvenuto il suo cadavere. Calcolando che eravamo nel 1144, si trattava di un uomo praticamente adulto; altro che bambino. Ma l’iconografia dei Santi talvolta segue strade sue che hanno molto poco a che vedere con la realtà storica… e quindi, prendiamolo per buono.

Il primo caso fu William di Norwich, dicevamo.
La mattina di Pasqua del 1144, fu rinvenuto nella città di Norwich il cadavere di un ragazzo, presumibilmente ucciso. Il corpo era stato ricomposto e seppellito in terreno sconsacrato (non chiedetemi il perché): un mese dopo, durante un sinodo locale, il padre di William aveva puntato il dito contro alcuni ebrei del posto, accusandoli di essere gli assassini del figlio. Una “banale” accusa di omicidio, in quel momento.
Il vescovo Eboardo, interpellato in merito, aveva manifestato un certo scetticismo: le prove a carico degli accusati non gli sembravano, evidentemente, molto convincenti. Ad ogni buon conto, gli accusati vennero invitati a discolparsi dall’accusa – proprio in quel momento, però, era intervenuta l’autorità secolare. Lo sceriffo di Norwich, temendo disordini tra ebrei e cristiani, aveva ingiunto ai primi di non presentarsi all’autorità ecclesiastica, e li aveva addirittura invitati a mettersi al sicuro entro le mura del castello. Gli ebrei obbediron di gran corsa, e non furono mai processati.
Ripeto: era una normale accusa di omicidio, all’epoca. Okay, è vero: incuriosito da questa accusa così particolare (un cristiano ucciso dagli ebrei) il priore dell’abbazia di San Pancrazio aveva fatto richiesta di poter esumare William e seppellirlo nella sua abbazia, quale potenziale oggetto “di cospicua venerazione e adorazione”. Però, il vescovo aveva rifiutato, consentendo solo di esumare il cadavere affinché ricevesse degna sepoltura in un cimitero cristiano, assieme a tutti gli altri normalissimi defunti.

Fine.

Quattro anni più tardi, un tal Thomas di Monmounth arrivò, bel bello, a Norwich.
Divenuto monaco benedettino nella medesima città, venne a sapere della strana storia di William… e cominciò a interessarsene. Trasformando un semplice caso irrisolto di omicidio nella celebrazione di un santo martire, e inventandosi la storia dell’omicidio rituale ebraico commesso dagli Ebrei a scopi religiosi.

Perché lo fece?
Dio solo lo sa, potremmo dire.
Che Thomas, “un uomo di debole intelligenza”, non avesse la più pallida idea delle conseguenze a lungo termine dei suoi atti, molto probabilmente è vero. Alcuni studiosi notano che, probabilmente, accusare gli ebrei di aver ucciso William in odium fidei serviva aiutava l’agiografo a rendere il giovane ancor più “Santo”.
Sì, insomma: se un ebreo mi ammazza perché gli sto antipatica, difficilmente mi faranno Santa. Se un ebreo mi ammazza perché vede in me un alter Christus, e mi martirizza orrendamente in odio alla mia fede… beh: a questo punto, si può anche incominciare a ragionarci sopra.

Ma insomma: che cosa aveva fatto, concretamente, questo sventurato Thomas?
Thomas, innanzi tutto, aveva composto la Vita et Miracula S. Wilelmi Norwicensis, l’opera che fonda il mito del Santo martire. Nel primo libro di quest’opera, i fatti relativi all’omicidio di William ci vengono presentati così come li aveva ricostruiti Thomas, con indagini condotte più sulla base di congetture che di riscontri veri e propri.
A detta di Thomas, William era un ragazzo incauto, che era stato più volte avvertito da suo padre di non frequentare gli ebrei. Un po’ come Cappuccetto Rosso e il lupo, William aveva disubbidito ai genitori e ne aveva patito le conseguenze: condotto da un forestiero presso una casa della comunità ebraica, il 20 marzo 1144 era stato legato e torturato, poi trafitto con una corona di spine, ed indi finito con una ferita al fianco destro. “Come abbiamo condannato il Cristo a una morte vergognosa”, avevano detto gli ebrei uccidendolo, “così condanniamo anche il cristiano”. Il cadavere di William, secondo questa ricostruzione, era poi stato lavato con acqua bollente e infine gettato nella foresta di Thorpe, dove, quattro giorni dopo, era stato effettivamente ritrovato.
Thomas, a quel punto, introduceva il super-testimone, un certo Teobaldo. A detta di Thomas, si trattava di un ebreo convertitosi al cristianesimo proprio grazie all’intercessione di “San” William, che aveva ormai raggiunto il Cielo. Dopo la conversione, il “nostro” aveva deciso di parlare.
Per rivelare cosa, mi chiedete? Per rivelare la dinamica dei fatti, facendo luce su una vera e propria congiura ebraica che minacciava l’intera umanità: a detta di Teobaldo, infatti, gli ebrei si riunivano annualmente a Narbonne, in Spagna, per organizzare lo spargimento di sangue di un cristiano. Gli ebrei di Narbonne decidevano in quale nazione si sarebbe tenuto, quell’anno, il sacrificio, mentre gli ebrei della nazione prescelta dovevano indicare la città in cui compier l’omicidio.
Nel 1144 la scelta era caduta su Norwich, per l’appunto.

Completo delirio?
Invenzioni assolutamente false?
Probabilmente no – nel senso che l’ebreo Teobaldo, molto verosimilmente, esisteva per davvero. Analizzando le tecniche di tortura illustrate nell’agiografia di William, nonché le presunte motivazioni religiose ebraiche addotte per motivare tale scempio, gli studiosi evidenziano due “fonti” differenti. La prima è quella che risente di un’ottica cristiana: Via Crucis, immagine della Passione, e così via dicendo. Ma la seconda fonte è di matrice sicuramente ebraica: emerge una buona conoscenza dei sacrifici dell’Antico Testamento implicanti lo spargimento di sangue delle vittime… una conoscenza troppo buona e approfondita per appartenere a un cristiano.
Probabilmente, questo Teobaldo esisteva per davvero. Probabilmente, era un ebreo convertitosi al cristianesimo e in qualche modo desideroso di diffamare la sua comunità (ad esempio, distorcendo l’uso dei sacrifici ebraici, allo scopo di giustificare l’improbabile ipotesi di “omicidio rituale”).

Ma Teobaldo (e Thomas) si rendevano conto della vera e propria bomba che stavano per lanciare?
Probabilmente, no.
Probabilmente, non si rendevano conto di come l’agiografia diffondesse idee a dir poco inquietanti – in primo luogo, che i responsabili di quel barbaro omicidio non fossero semplicemente gli ebrei di Norwich, brutti cattivoni; a detta dell’agiografia, il responsabile di questo gesto era, piuttosto, l’intera religione ebraica.
Altra idea terribile: quello di William non è stato solo un tragico caso di fanatismo religioso. Omicidi rituali ebraici si svolgono ogni anno, in varie parti del mondo, su mandato degli ebrei spagnoli.
E siccome gli ebrei decidono ogni anno in quale Stato effettuare il sacrificio, nessun cristiano può dirsi al sicuro: e se quest’anno i perfidi ebrei avessero deciso che l’omicidio rituale si terrà a Pavia, e stessero progettando di ammazzar proprio me?
E te credo che a questo punto dilaga la psicosi, e che si scava un solco incolmabile fra le comunità ebraiche e (ahimé) quelle cristiane.

La credenza, tragicamente, aveva tutti i requisiti per colpire il popolino e per diffondersi di bocca in bocca.
Nel 1168, a Gloucester, una comunità di ebrei veniva accusata di aver rapito un bimbo di nome Harold e di averlo crocifisso il Venerdì Santo, dopo averlo circonciso.
Nel 1171, l’accusa aveva già varcato il canale della Manica, e gettava scandalo nella comunità di Blois.
Nel 1182, il re di Francia Filippo Augusto decretava l’espulsione degli ebrei dal regno, anche perché convinto che praticassero abitualmente l’infanticidio a scopo rituale.
Nello stesso anno, a Saragozza, compariva per la prima volta la medesima credenza.
Nel 1187, ce ne parla addirittura un arabo citando un caso avvenuto a Gerusaleme (!).
E poi ancora Fulda, Weissenburg, Valréas, e molti casi ancora… una tragica catena di psicosi e di follia, che inevitabilmente finì per arrivare anche alle orecchie dei “pezzi grossi” di quel tempo.
Mi riferisco a Federico II di Hoenstaufen e a Sinibaldo Fieschi… ovverosia, Innocenzo IV.

Federico II era stato direttamente coinvolto nel caso di Fulda, verificatosi in Germania nel Natale del 1235. Alcuni ebrei erano stati accusati del barbaro omicidio di cinque piccoli bambini, sottratti ai genitori mentre essi erano a Messa. Nella psicosi collettiva, un gruppo di cristiani armati aveva massacrato quasi tutta la comunità ebraica di Fulda, suscitando lo sdegno dell’Imperatore.
Con un’iniziativa che ha dello straordinario, Federico II aveva proceduto con molto raziocinio e aveva convocato un team di esperti. Invitati a valutare se fosse effettivamente possibile attribuire agli ebrei questi omicidi rituali a scopi religiosi, studiosi di entrambe le religioni avevano risposto “certamente no”. Federico II assolse dall’accusa di omicidio gli ebrei di Fulda (i pochi che erano sopravvissuti al massacro, aehm) e ordinò esplicitamente che “ognuno dimostri graziosità e benignità verso gli ebrei nostri servitori”, aggiungendo anche che “coloro che osassero agire contro la presente conferma e assoluzione si esporranno alla nostra suprema indignazione” (1).

E il papa?
Il papa intervenne qualche anno più tardi, con alcune bolle inviate ai vescovi di Francia e di Germania fra il 1247 e il 1253.
In riferimento al caso di Valréas, in Francia, dove un’altra ondata di psicosi aveva portato alla persecuzione della comunità ebraica accusata di aver crocifisso una fanciulla a scopi rituali, Innocenzo IV indirizzava due bolle all’arcivescovo di Vienne, nel maggio del ’47. Lamentava i supplizi inflitti agli Ebrei, esigendo la liberazione dei prigionieri ancora detenuti (2): il 9 giugno dello stesso anno, inoltre, osservava che non era assolutamente possibile accusare gli israeliti “di far uso di sangue umano nel loro rito; e benché nell’Antico Testamento sia stato loro prescritto di non far uso di qualsivoglia sangue, e men che mai di sangue umano, tuttavia, presso Fulda e in parecchie altre località, molti ebrei sono stati uccisi sulla base di un sospetto di questo genere; con l’autorità della presente lettera, vogliamo assolutamente impedire che ciò si ripeta” (3). Il 5 luglio 1247, non contento, ribadiva che alcuni cristiani, nonostante “la Sacra Scrittura […] dica – non uccidere – e proibisca agli ebrei nella solennità pasquale qualsiasi omicidio, falsamente li accusano di comunicarsi nella stessa solennità con il cuore di un bambino assassinato, e si pretende che ciò sia prescritto dalle loro leggi, mentre è manifestamente il contrario. Se in un luogo viene trovato un cadavere, a loro viene con malizia imputato l’omicidio. Col pretesto di questa e altre simili favole vengono perseguitati, e, contrariamente ai privilegi benignamente loro accordati dalla Santa Sede apostolica, contro Dio e la giustizia, senza processo e senza regolare istruttoria, li spogliano di tutti i loro beni […]. Quindi, temendo il proprio sterminio, [gli Ebrei] stimarono di dover ricorrere alla prudenza della Sede Apostolica” (4).

Proprio così.
Contrariamente a quanto si tende a pensare normalmente, la credenza popolare degli omicidi rituali ebraici fu (quasi sempre) avversata con tutte le forze da chi stava “ai piani alti”. Vi sto parlando del vertice della società politica del tempo, ma addirittura vi ho citato le parole testuali di colui che stava a capo di Santa Romana Chiesa: coloro che avevano un minimo di sale in zucca sapevano benissimo – e hanno sempre saputo – che si trattava solo di accuse barbare e infondante.
E come vi dicevo sopra, costoro hanno (quasi) sempre fatto di tutto per cercare di arginare in ogni modo questo barbaro fenomeno.
Il tentativo, purtroppo, non era semplice facile, soprattutto quando i potenti locali sfruttavano la credenza a scopi politici: è successo. E da un punto di vista religioso, non era facile contrastare la credenza in un momento in cui la canonizzazione dei Santi avveniva ancora a livello locale, previa approvazione del locale vescovo. Secondo voi, quanti nanosecondi ci aveva messo, il vescovo di Norwich, ad approvare il culto di un “Santo” che era già diventato popolarissimo in tutta la regione (con conseguenti pellegrinaggi, devozioni, offerte alla chiesa, e così via dicendo)?

Ma si trattava ovviamente di una accusa infondata, e le alte sfere ne erano perfettamente consapevoli.
Non è che non ci abbiano provato, ad arginare il fenomeno. Salvo rari casi, ci han provato eccome. Drammaticamente, non ci son riusciti affatto… ma la consapevolezza, almeno, c’era.
La drammatica accusa del sangue, che ha dilagato come in virus ed è addirittura stata riutilizzata nel Novecento dai nazisti (!), è quasi sempre stata contrastata ferocemente dalla Chiesa (intendendo con “Chiesa” le “alte sfere”). Ed è probabilmente nata per l’infelice idea di un povero sciagurato, che con ogni probabilità non aveva la minima intenzione di provocare tutto ciò che ha provocato.

Il caso di Simonino da Trento è ancora un’altra storia…
… ma ve ne parlo poi. In un altro giorno di Quaresima.

(1) La bolla è edita in: Zeitschrift für die Geschichte der Juden in Deutschland, I, pp. 137-44.
(2) Archivio Segreto Vaticano, Reg. Vat. 21, foll. 403r-v e 405r-v
(3) Archivio Segreto Vaticano, Reg. Vat. 21, fol. 405r-v
(4) Archivio Segreto Vaticano, Reg. Vat. 21, fol. 442r.

4 pensieri su “[Pillole di Storia] L’accusa del sangue / 1

  1. Ottima analisi storica. Avevo letto in un vecchio sito che anche nel 1500 alcuni casi venivano artartamente creati per fini politici, ma poi, con l'intervento di qualche "alta sfera" si procedeva ad un processo regolare. Se trovo la fonte te la mando, si citano un paio di casi precisi.

    Faccio notare una cosa: all'epoca non si conoscevano i rituali ebraici perché l'antico testamento era poco conosciuto, e ciò perché le Bibbie erano talmente rare che alcuni vescovi non le avevano.

  2. Ecco la citazione in questione. Riporto solo una parte, perché il resto del file dice quello che dici tu. Purtroppo non ti posso dare il link del sito da cui è tratto in questo momento, se vuoi te lo darò più avanti:

    Nel 1554 la terribile accusa di omicidio rituale fa la sua apparizione anche a Roma, centro della Cristianità, e proprio alla vigilia dell'avvento al soglio pontificio di Paolo IV, uomo privo di ogni moderazione, dal carattere rigido, irruento e incapace di dominarsi, ossessionato da uno zelo religioso violento, privo di compassione verso se stesso e gli altri: i suoi provvedimenti politici, esageratamente rigorosi e autoritari, fecero tanto soffrire sia gli ebrei che il popolo romano. Questo il fatto. Viene scoperto nel camposanto di Roma, durante la settimana santa, il cadavere crocifisso di un bambino. Il popolo aizzato da un ebreo convertito, Hananel da Foligno, accusa gli ebrei. La folla invoca il massacro o l'espulsione degli ebrei. Il cardinale Alessandro Farnese scopre i veri colpevoli, due spagnoli che avevano agito per denaro e in odio agli ebrei. Il nuovo Papa, Paolo IV, punisce con la morte i colpevoli. L'ordine pubblico è salvo ma sarà, per gli ebrei, un ordine all'interno del ghetto e per i romani un ordine di tipo calvinista che giunge perfino a proibire ogni forma di divertimento lecito. Quando Paolo IV muore, nel 1559, il popolo romano si solleva e ne impedisce i funerali. Il palazzo dell'inquisizione viene invaso e dato alle fiamme, le insegne abbattute e la statua di Paolo IV frantumata e gettata nel Tevere. Tutta la città è in preda a forti subbugli. La salma stessa del pontefice deve essere sottratta al furore del popolo e viene nascosta nei sotterranei della basilica vaticana

  3. Pingback: [Pillole di Storia] L’accusa del sangue / 2 « Una penna spuntata

  4. Pingback: [Pillole di Storia] L’accusa del sangue / 4 « Una penna spuntata

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...